Prezzi agricoli e prezzi dei mezzi di produzione

    Prezzi agricoli e mezzi di produzione

     

    L’annata 2017 può essere considerata  mediamente positiva per l’andamento dei prezzi all’origine ma si conferma ancora una volta l’eccessiva volatilità dei listini che da qualche anno costituisce una seria criticità per i mercati agricoli. 

    La ripresa delle quotazioni osservabile nei mesi invernali a cavallo tra il 2016 e il 2017 è dovuta principalmente al recupero del prezzo del latte alla stalla mentre nella parte centrale dell’anno sono stati soprattutto i prodotti ortofrutticoli a causare il crollo dell’indicatore osservato. La parte finale dell’anno è stata positiva, in particolare per il prezzo del vino e per il recupero di alcune coltivazioni. Nel complesso, confrontando i prezzi medi con la media dell’anno precedente si osserva un aumento record per l’olio d’oliva (+31%) e ottimi risultati anche per i prodotti orticoli (+14,6%), il latte e i suoi derivati (+13,3%) e per la frutta fresca e secca (+13%). In negativo vi sono soltanto i cereali (-2,8%) e le colture industriali (-3,3%).

    Sul fronte dei costi, il 2017 ha visto un lieve aumento generale dell’indice con alcune differenze al suo interno. Gli aumenti maggiori si sono registrati per il prezzo degli animali vivi (+5,7%) e dei mangimi (+5,2%) mentre sono sostanzialmente stabili le voci riguardanti i concimi (-), le sementi (+0,5%) e i servizi energetici (+0,5%).

    amministrazione

    search

    flag psr 40
    logo ires 40
    flag piemonte 40
    flag italia 40
    flag europe 40